Español
English
Italiano
come affrontare i “discorsi da grandi”
0 COMMENTI
5 marzo 2014  |  Scritto da famosatoys

Alcuni argomenti sono così controversi , complessi e difficili da spiegare che temiamo il giorno in cui i nostri bambini inizieranno a farci domande su di essi.

Il sesso è forse il più difficile , potrebbe sembrare la conversazione più imbarazzante che ci possa essere in famiglia. Il pudore, l’incapacità di usare termini adeguati , le convinzioni religiose…tutti insieme questi elementi rendono l’argomento difficile da affrontare. Difficile però non significa impossibile. Useremo l’argomento sesso come una guida per imparare a parlare ai nostri figli di questioni controverse . Seguendo questi semplici passi e con pazienza e attenzione potrete affrontare qualsiasi discorso con i vostri figli e far si che vedano in voi la persona a cui poter esporre dubbi e curiosità anche quando saranno più grandi.

I bambini hanno bisogno di capire la propria sessualità per poterla sviluppare in modo sano e la conoscenza è sempre la migliore difesa contro qualsiasi situazione a rischio che potrebbero incontrare . La casa è il posto migliore per iniziare parlare di sesso , perché se non si danno loro le informazioni di cui hanno bisogno le riceveranno in altri luoghi, Internet compreso . Inoltre la maggior parte degli studi indica che i bambini preferiscono parlare di sesso con i genitori piuttosto che con altri adulti come insegnanti o educatori .

La sessualità fa parte della natura degli esseri umani ed è presente fin dalla nascita . I bambini iniziano a conoscere il proprio corpo attraverso le nostre azioni, per come li vestiamo , per il diverso rapporto con mamma e papà , per le parole che usiamo per indicare alcune parti del corpo … gli psicologi consigliano di iniziare presto a parlarne adattando il discorso alla loro età.

Tuttavia, se non avete ancora avuto una conversazione inerente a sesso e sessualità con loro non cercate di recuperare in una sola volta perché ne sarete entrambi sopraffatti . Dovete iniziare dando loro pillole di informazione, avviare la conversazione per poi vedere come procedere nel sanare i loro dubbi.

Quando i bambini hanno 3 anni vengono a conoscenza del proprio corpo e cominciano a esprimere le loro curiosità sulle differenze fisiche tra maschi e femmine. A 4 o 5 anni i bambini sono in grado di capire come nascono i bambini e a 6 o 7 possono anche capire come vengono concepiti. Verso i 10 anni, pre-adolescenti, riceveranno dai media e dai loro coetanei la maggior parte delle informazioni relative al sesso e saranno in grado di capire che il sesso è una componente importante nella vita degli adulti .

Bisogna passo per passo, fornire risposte chiare e semplici alle domande che sorgeranno ma non esagerare . Placare la curiosità è sufficiente e non bisogna sempre indagare sull’origine dei loro dubbi.

Iniziare il discorso può essere uno dei passi più difficili, ma ci sono un sacco di situazioni quotidiane che si possono utilizzare per introdurre la conversazione . Una gravidanza in famiglia , la separazione tra abbigliamento maschile e femminile nei grandi magazzini o un film possono essere la scintilla. Possiamo usare frasi come Tua zia è incinta, sai cosa significa ? o Sapete perché i ragazzi e le ragazze indossano abiti diversi ?

I vostri bambini potrebbero sentirsi altrettanto in imbarazzato e a disagio e dirvi quindi solo quello che pensano desideriate sentire . Siate pazienti, date loro tempo per fidarsi di voi e condividere i loro veri sentimenti . Se volete proteggerli ditegli sempre la verità. Qualcuno pensa ancora che parlare di sesso conduce direttamente ad esso: è un’idea sbagliata . La loro sessualità emergerà in ogni caso, sia che essi ne siano informati che non.

Se a un certo punto siete davvero imbarazzati non nascondetelo e spiegate che anche per voi sono argomenti un po’ difficili da spiegare, ma e che non è detto che voi sappiate tutto. Nel sappiate che ci sono ottimi libri, per tutte le età, sia sul corpo umano, sia sull’educazione sessuale.

Eccone alcuni:

Dov`è finito Willy?,Nicholas Allan. Fascia d’età: 5-7 anni: È la storia di Willy, un piccolo spermatozoo che vive dentro il signor Rossi con trecento milioni di amici

Piselli e farfalline… son più belli i maschi o le bambine?: Fatatrac. Fascia d’età: 5-7 anni
Maschi e femmine sono diversi tra loro e la più evidente delle differenze è nel corpo. Um libro, scherzoso e serissimo allo stesso tempo

I nati ieri e quelle cose lì. Ovvero tutto quello che i ragazzini vorrebbero sapere sul sesso (ma col cavolo che qualcuno glielo ha spiegato), Carthusia. Fascia d’età: 8-13 anni
Affronta importanti temi: la nascita, la conoscenza del proprio corpo e di quello degli altri, la gravidanza…

Make Love – Un manuale d’educazione sessuale, Ippocampo edizioni. Fascia d’età: adolescenti e giovani adulti
Un libro che sta bene sia in camera da letto sia a scuola, pensato per i giovani, ma da cui anche gli adulti possono imparare moltissimo

Se hai già avuto esperienze nel parlare di sesso o di argomenti difficili condividili con noi. Che siano siano andate bene o male potrebbero essere comunque lezioni importanti per chi deve ancora affrontare questo momento così importante della crescita dei figli.

Photo credit: PhotograTree

CATEGORIAS: KIDS & TIC's  |  TAGS: , ,
ARTICOLI CORRELATI
l’importanza delle fiabe
le 5 domande sulla scuola da fare tutti i giorni ai figli
sbagliando si impara
LASCIA UN COMMENTO
*Nome:
*Email:
Sito web (facoltativo):
Commento:

COMMENTI (0)