Español
English
Italiano
sei preoccupato perché tuo figlio è goffo?
0 COMMENTI
28 agosto 2014  |  Scritto da famosatoys

Forse avrete notato che vostro figlio inciampa facilmente o che fa fatica ad allacciare le stringhe delle scarpe. I lavoretti manuali e la scrittura non sono il suo forte e al parco pare che non riesca a fare neanche delle semplici capriole e per questo spesso se ne sta in disparte. Alcuni bambini possono sembrare impacciati ma in realtà potrebbe che le loro capacità motorie non seguono la velocissima crescita degli arti tipica dell’infanzia e, lungi dall’essere un motivo di preoccupazione, potrebbe essere l’occasione per insegnare ai vostri figli attività divertenti e giochi che stimolino le loro capacità motorie.

Andrew Adesman, Direttore del Dipartimento Pediatrico dell’Ospedale per bambini di New York e docente presso l’Albert Einstein College of Medicine ritiene che “se il bambino è goffo, potrebbe essere che stia cercando di imparare troppe abilità fisiche contemporaneamente. I bambini più attivi infatti hanno maggior propensione a far cadere le cose, inciampare o cadere… “

Karl Rosengren, professore di psicologia alla Northwestern University ritiene che i bambini che si sentono goffi di solito soffrono di bassa autostima perché non si sentono in grado di giocare o praticare sport come gli altri e spesso si isolano volontariamente. Per questo motivo è altrettanto importante stare attenti a ciò che si dice: dobbiamo cercare di evitare frasi come: “Non sai fare di meglio? o come “Sei davvero negato per lo sport”. Dovremmo invece cercare di motivarli a continuare a provare.

Punti di forza

Relativizzare le loro abilità ginniche o sportive mettendo in evidenza altre loro capacità come nel fare i puzzle o nei giochi di società. Questo serve ad aumentare la loro autostima e a far capire che non bisogna essere tutti grandi giocatori di calcio o ginnaste provette perché ognuno ha il proprio talento speciale. C’è solo bisogno di scoprirlo.

Ci sono un sacco di attività alternative che non richiedono un alto livello di competenza fisica ma che possono stimolare le loro capacità motorie come cucinare, suonare uno strumento, imparare le arti marziali … Quanto più si esercitano le loro capacità motorie tanto migliore sarà il risultato.

Pratica, pratica, pratica. Se c’è qualcosa che realmente vogliono fare l’unico modo per portarli al livello degli altri è fare tanta pratica. Che si tratti di calcio, nuoto, giocare a ping-ping o saltare la corda, voi siete le persona migliori per aiutarli a continuare a provare. Scoprite che obiettivi hanno e unitevi a loro nello sforzo di raggiungerli!

Attività alternative

Anche se il vostro bambino potrebbe non essere fisicamente prestante come altri, questo non significa che non debbano praticare sport. L’attività fisica è necessaria per tutti i bambini perché serve a costruire resistenza muscolare e cardiovascolare, migliora la flessibilità e la coordinazione.

Let’s dance! L’alternativa – oltretutto molto divertente – è ballare! . Organizzare a casa sessioni di ballo, guardate e imitate film musicali e videoclip, non solo si divertiranno ma impareranno anche a seguire il ritmo e a coordinare i movimenti.

Percorso ad ostacoli. Preparatevi per un pomeriggio di divertimento con la creazione di un percorso ad ostacoli in giardino o anche all’interno. Utilizzare mobili, cuscini o giocattoli per creare un percorso pieno di ostacoli che i vostri figli dovranno superare.

Cammina sul ponte. Costruite un ponte con una lunga striscia di carta igienica e invitate il vostro bambini a camminarci sopra senza mettere giù i piedi…perché l’acqua è alta e fredda o è popolata di pescioni che potrebbero morsicare le caviglie. Con i più grandicelli, fissate un tempo massimo per attraversare tutto il ponte e, dopo un certo numero di volte, stabilite il record!

Se il bambino mostra segni di goffaggine che vanno oltre il normale, parlatene al vostro pediatra per vedere se vostro figlio o figlia soffre di disprassia, un disturbo comune che colpisce la coordinazione.Questo non suppone alcun deficit cognitivo e può essere superato con successo.

Photo Credits: Zhao / Scott Swigart

CATEGORIAS: KIDS & TIC's  |  TAGS: , , ,
ARTICOLI CORRELATI
l’importanza delle fiabe
le 5 domande sulla scuola da fare tutti i giorni ai figli
sbagliando si impara
LASCIA UN COMMENTO
*Nome:
*Email:
Sito web (facoltativo):
Commento:

COMMENTI (0)