Español
English
Italiano
Tag: leggere
mamma, mi annoio!
0 COMMENTI
6 ottobre 2014  |  Scritto da famosatoys

“Mamma, mi annoio!” Quante volte avete sentito questa frase? Tre semplici parole che ci però ci fanno sentire “cattivi genitori”…e allora ecco che partiamo con le attività, lo sport, i giochi, le feste ecc..ecc… Questo però non è la soluzione corretta. Infatti non è detto che essere ogni tanto annoiati non possa essere positivo.

Lasciate che i bambini conoscano la noia! È questo, l’appello lanciato da Teresa Belton, scienziata inglese esperta di problemi dell’infanzia e dell’apprendimento. Preziosa ed impalpabile sostanza della vita, la noia potrebbe essere considerata come la matrice di un’attività fantastica indipendente, la linfa segreta dei processi creativi. Teresa Belton se ne è convinta sollecitando i ricordi di infanzia di artisti e scrittori. Tutti cresciuti, ovviamente, in un tempo in cui i genitori non erano ancora così ossessionati dal folle proposito di animare in tutte le maniere le vite dei loro figli

Che cos’ è esattamente la noia?
La noia è uno stato temporaneo che non è causato dall’assenza di stimoli o di opportunità come tutti pensano. I bambini spesso si annoiano pur disponendo di una grande quantità di giochi e avendo numerose proposte di cose da fare.
La causa della noia è da ricercare all’interno della persona, nella difficoltà ad impegnarsi in attività impegnative che prevedono il raggiungimento di uno scopo importante, ma addirittura nel pensarlo.

La noia nei bambini e negli adolescenti si combatte chiedendo loro di impegnarsi nel raggiungimento di un obiettivo che deve essere per loro ovviamente significativo. Non è importante se le proposte partono dai ragazzi o dai genitori, ma bisogna capire e valutare a cosa sono di più interessati, spingerli a scegliere tra diverse alternative, aiutarli a darsi un obiettivo preciso, ad organizzare le varie tappe per raggiungerlo ed infine impegnarsi per ottenere il risultato che si sono prefissati. Questo discorso vale sia per attività che si svolgono dentro casa, come hobby, sia per quelle fuori casa, nello sport, nel volontariato, in parrocchia, nel quartiere.

Qualche consiglio per i genitori

Fin da piccoli evitare di sommergere i bambini di giocattoli, in particolare quelli molto strutturati che abituano alla passività e alla semplice esecuzione, non si lascia così spazio alla creatività, all’azione personale e alla progettualità. Quando i vostri figli vi dicono che si annoiano sarà necessario proporre loro una meta chiara da raggiungere attraverso il loro impegno personale.

La noia si affronta coltivando nuovi hobby, facendo un lavoro per sé o per gli altri, imparare azioni nuove utili per la vita.
Anche impegnarsi nelle più comuni attività della vita domestica e familiare può rappresentare una soluzione alla noia. I figli si sentono coinvolti nella vita familiare e non esclusi (cosa che frequentemente si verifica).
Un’altra proposta utile per combattere la noia è la lettura di libri.

In ogni caso, quando vi dicono di essere annoiati lasciateli per un po’ soli m vi accorgerete che poco dopo avranno inventato una storia creato una nave pirata con scatole di cartone, un UFO con la macchinina preferita e saranno presi da avventure divertenti. Questo è il miglior gioco che esista perché creato da loro stessi . Oltretutto, attivando l’ immaginazione, il cervello rilascia più dopamina che rende i bambini più felici.

Oltre a giocare, i bambini amano essere utili. Nei momenti di noia, fatevi aiutare nelle piccole faccende domestiche o a cucinare, fategli portare fuori il cane o pulire la cesta del gatto, fategli preparare un biglietto d’auguri per il nonno o fare un lavoretto per l’amichetta ammalata.

Un’altra idea è quella di mettere la loro canzone preferita e imparare i testi in inglese ballando.
Ricordate però che non dovete proteggere i vostri figli da noia ma piuttosto offrire idee e renderli autonomi e in grado di gestire il loro tempo libero inventando giochi, cercando nuove sfide, e imparando a risolvere i problemi da soli.

Photo Credits: Greg Wesfall /John Morgan

CATEGORIAS: KIDS & TIC's  |  TAGS:  , , , , ,
le migliori letture dell’estate
0 COMMENTI
6 agosto 2014  |  Scritto da famosatoys

I bambini amano la spiaggia. Tuttavia, quando il sole è troppo forte o dopo pranzo o quando l’acqua è troppo fredda stare in spiaggia potrebbe diventare difficile. Utilizzate questi momenti per coltivare la loro passione per la lettura.

Ecco qualche consiglio per farli stare tranquilli a godersi le migliori letture sia su libri che su tablet. Spesso se i bambini vedono voi leggere lo vorranno fare, ma se non funziona dovrete motivarli: ecco come fare.

Il Tablet, il tuo migliore alleato

Ci sono un sacco di applicazioni educative che hanno storie interattive che risveglieranno nei bambini il loro interesse per la lettura. Ve ne proponiamo alcune:

Joy Tales

Una collezione di 7 storie originali: ogni storia ha un obiettivo educativo per il tuo piccolo!
con spiegazioni del pediatra sugli obiettivi della fiaba. Testi disponibili in italiano, inglese, tedesco, francese, spagnolo, portoghese, russo, cinese e giapponese

Buona notte, Dadà!

Una bellissima app per i bimbi dai tre anni… suoni coinvolgenti e grafiche tutte da scoprire.
Perché i Dadà sono simpatici, divertenti, colorati, luminosi, rassicuranti! Sono proprio gli amici della notte!

Schermata 2014-07-22 a 17.48.49

PINOCCHIO

Le avventure del burattino più famoso del mondo in un’app ad alto tasso di interattività. Selezionato da Apple in varie categorie in numerosi paesi. E soprattutto, ricoperto di giudizi entusiastici da parte dei bambini!

Scegliere libri appropriati all’età

Se i vostri figli stanno iniziando a leggere, il miglior consiglio è quello di leggere ad alta voce insieme a loro. Guardate anche le illustrazioni e commentatele, interpretate la storia dando diverse voci ai personaggi Non dimenticate di fargli delle domande circa la trama.

I migliori libri per questa età sono quelli che hanno queste caratteristiche: una trama semplice e valori educativi, una lunghezza breve, illustrazioni colorate. Ecco due nostre scelte:

Cacca pupù

OH-oh!

Alcuni bambini, una volta che imparano a leggere da soli abbandonano i libri perché erroneamente ritengono che non serva più. Aiutateli a scoprire nuovi autori, ai bambini più grandi proponete libri di avventura o di mistero , piuttosto che i classici della letteratura con storie epiche come L’isola del Tesoro o Moby Dick, che troverete sicuramente anche in versione e-book. Se cercate storie più brevi provate le collane di racconti e le fiabe.
Lasciate che siano loro a scegliere cosa leggere ma sappiateli consigliare circa le letture più adatte alla loro età e al tempo che avranno a disposizione.

CATEGORIAS: KIDS & TIC's  |  TAGS:  , , , ,