Español
English
Italiano
Tag: sport
in vacanza, compiti si o no?
0 COMMENTI
15 luglio 2014  |  Scritto da famosatoys

I bambini hanno un sacco di tempo libero durante l’estate e e alcuni genitori li iscrivono ad attività sportive, campus o corsi di recupero. Alcuni esperti, tuttavia, ritengono che le vacanze estive dovrebbero essere utilizzate per fare altre attività che possano arricchire la vita dei bambini. Quindi il dubbio è : compiti o giochi?

Una cosa che non dobbiamo dimenticare è che l’estate è tempo libero, vacanze e niente scuola, ma questo non significa che i vostri figli debbano smettere di imparare. Dovranno trovare attività stimolanti ed educative, non solo, dovranno comunque mantenere delle abitudini di studio e lettura in modo da tenere allenata attenzione e concentrazione.

Anche una mezz’ora di matematica, inglese o grammatica sono importanti per mantenersi allenati. Una buona idea è trasformarli in gioco e, quindi, rebus, cruciverba, giochi matematici.
Li si possono trovare in libreria, in edicola o anche on-line e possono essere un utile diversivo anche per le giornate di pioggia o durante gli spostamenti o i viaggi.

Infatti l’apprendimento non significa solo e sempre studio. Almeno non nel modo tradizionale. Ci sono attività incredibili che stimolano il cervello dei bambini, che li aiutano a capire la natura, il paesaggio, il clima e tutte quelle cosa che trovano nei libri durante il loro ciclo di studi. Scienze o biologia si imparano più velocemente se nono sono un obbligo…Quindi camping, musica e pittura all’aria aperta, visite a musei, sport, ecc …

Per i bambini che invece hanno i “compiti tradizionali” ricordate che dovrebbero essere i loro compiti estivi ad adattarsi a loro e non viceversa. Andrebbe fatto un piano personalizzato, soprattutto per i ragazzini delle medie, magari d’accordo con le insegnanti, in modo che lavorino sulle materie in cui hanno delle carenze o particolari difficoltà.
Detto questo, ecco qualche suggerimento per affrontare serenamente il momento dei compiti, senza guastarsi le vacanze.:

Orario: Da Lunedi a Venerdì, stabilire un ora fissata per fare i compiti. Una buona opzione è dopo colazione o dopo pranzo.

Fissare degli obiettivi: definite con i vostri figli quante pagine devono fare al giorno o quali attività devono fare prima di uscire a giocare, ci sono libri di compiti che in particolare aiutano a rendere le attività varie e interessanti.

Rendere lo studio divertente: studiare non significa stare chiusi in una stanza. Portate i vostri bambini in biblioteca, ai musei o nei siti storici integrando lo studio con attività didattiche organizzate da musei, laboratori ecc…Utilizzate il momento della spesa per piccoli esercizi di matematica o per la lettura dei più piccoli.

Cultura per tutta la famiglia: almeno una volta alla settimana andate tutti insieme a veder un film, a un concerto o a una mostra,che non sia necessariamente da bambini.

Schermata 2014-07-15 a 17.21.43

Leggere, leggere, leggere: è un’attività che non ha nessuna controindicazione, si può fare sempre e evunque, aiutiamoli a scegliere titoli appropriati alla loro età e ai loro interessi. Mostriamo interesse a ai libri che stanno leggendo.

Imparare una nuova lingua: stimolarli a imparare una nuova lingua nell’eventualità di una vacanza all’estero attraverso ascoltando la radio, parlando con i locali o semplicemente giocando con i bambini del posto.

Sport l’esercizio fisico stimola anche l’attività cerebrale e quindi nuoto, camminata, bicicletta…la regola è sempre la stessa: farli divertire e farli crescere autonomi, sani e consapevoli.

sport per crescere
0 COMMENTI
11 aprile 2014  |  Scritto da famosatoys

Sappiamo che il gioco è una delle cose più importanti per un bambino.
A secondo dell’età, il bambino , giocando, impara ad essere creativo, sperimenta le sue capacità cognitive, scopre se stesso, entra in relazione con i suoi coetanei e sviluppa quindi l’intera personalità.
ll gioco ha un alto valore evolutivo, perché stimola cognitivamente il bambino e permette l’accesso al suo mondo interiore.

Il gioco, in base all’età, assume caratteristiche diverse.

Il gioco esplorativo comincia con il gioco delle dita e si sviluppa attraverso la crescente integrazione dei movimenti, agisce sulle capacità di attenzione verso il quale il bambino progredisce,
il gioco imitativo caratterizzato dall’immedesimazione del bambino, nel ruolo in una situazione a suo piacimento, riflette ciò che un bambino vede e sente accadere intorno a lui,
il gioco costruttivo richiede la capacità di creare dei modelli mentali e di realizzarli poi in forma concreta, il gioco di finzione presuppone la precedente acquisizione di tutti i tipi di gioco già menzionati diventando con il tempo sempre più elaborato.
Il gioco simbolico, caratterizzato dall’assegnazione da parte del bambino, di un significato particolare ad un oggetto, significato spesso lontano da quello originale, favorisce lo sviluppo delle rappresentazioni mentali e del linguaggio, il gioco d’esercizio che corrisponde allo sviluppo dell’intelligenza sensomotoria. In questa fase l’attività percettivo-motoria assume il carattere ludico: il bambino acquisisce progressivamente il controllo degli arti e la capacità di esplorare gli oggetti con tutti i sensi
Il gioco di regole. Il bambino nello stadio delle operazioni concrete è già in grado di effettuare questa forma di gioco, ma tende a modificare le norme a suo vantaggio e a non considerarle stabili.
Il gioco di costruzione, viene considerato a metà tra il gioco e l’attività intelligente, nonché tra il gioco e l’imitazione.

6U5Z6569

Un altro aspetto importante del gioco è che insegna ai bambini la sportività . Essere in grado di giocare ed accettare la sconfitta con dignità è probabilmente uno dei valori più importanti che possono imparare .
Per una buona sportività bisogna saper seguire le regole del gioco , rispettare gli altri e trattare gli avversari con stile.

Giocare “pulito ” significa avere maturità e coraggio , anche perchè nella vita stessa , non si può sempre vincere. Imparare a perdere, riconoscendo le vittorie altrui, richiede un atteggiamento che ha effetti positivi anche nella scuola.

L’importante è, qualsiasi sia il gioco, applicare le regole del fair play dello sport. Fair play significa molto di più che il semplice rispetto delle regole: ci sono i concetti di amicizia, di rispetto degli altri e di spirito sportivo.

Il Fair Play è la lotta contro l’imbroglio, contro le astuzie al limite della regole, alla violenza (sia fisica che verbale)

CHI GIOCA LEALMENTE E’ SEMPRE VINCITORE.

le apps che fanno…correre!
0 COMMENTI
18 marzo 2014  |  Scritto da famosatoys

La vita moderna ci porta ad uno stile di vita sedentario. Ore ed ore davanti ad un pc o ad un tablet sicuramente non ci aiutano ma forse , proprio dalla tecnologia, possiamo trovare un valido aiuto per contrastare le cattive abitudini
Il mondo delle app viene in nostro soccorso con una moltitudine di strumenti per gestire i nostri progetti dalla dieta al fitness che, ovviamente, non devono sostituire uno stile di vita attivo e una alimentazione bilanciata, ma possono invece essere di supporto nel raggiungimento degli obiettivi di forma fisica e di salute.

Vediamo quindi quale sono le app più apprezzate in questo campo, scelte per voi fra le più popolari nelle categorie dedicate alla salute e al benessere, sia su App Store che su Google Play

Runtastic è la top tra le app fitness. Gratuita la possiamo trovare in iTunes o Google Play
L’obiettivo di Runtastic è registrare le tue attività e monitorare i tuoi progressi (distanza, tempo, velocità, calorie, altitudine) per poi condividerle. Entrando a far parte della community potrai ricevere ulteriori analisi e statistiche e confrontarle con i tuoi amici. Inoltre potrai utilizzare i piani di allenamento e monitorare i tuoi dati biometrici. Condividi i tuoi allenamenti via facebook e twitter in maniera molto facile.

Per gli indecisi c’e il pedometro Accupedo. Cos’è un pedometro? È un contapassi, certo, ma a cosa serve? Se amate camminare, forse vorrete tenere traccia dei vostri percorsi. Se correte, il contapassi misurerà anche la vostra corsa. I risultati possono essere condivisi con gli amici e si potrà anche ottenere un riassunto mensile della propria attività.

Se invece hai poco tempo con la app Human ti bastano solo 30 minuti. Considera i movimenti di tutti i giorni e invia una notifica ogni volta che raggiungi gli obiettivi giornalieri.

Anche per i nostri bambini esistono app che permettono loro di divertirsi e confrontarsi con gli amichetti.

Con Super Stretch yoga il grande maestro e i suoi amici animali insegnano ai bambini lo yoga , le regole basi come la respirazione ed il rilassamento . Il gioco combinato allo yoga è utile ai bambini per conoscere il loro corpo e a svilupparlo in modo armonioso

Per iniziare a muovere i primi passi di danza c’è l’app 3D BEARS con Cosmo e Ginger due orsetti spiritosissimi che faranno sicuramente divertire i tuoi piccoli, mentre per le ragazze più grandi e scatenate sul sito www.nancystudiodance.com possono ballare la salsa, la dance , l’ hip hop e la classica con le video-lezioni di Nani.Schermata 2014-03-18 a 12.45.08

 

gita in famiglia!
0 COMMENTI
22 ottobre 2013  |  Scritto da famosatoys

La primavera è il momento ideale per perdersi in un bosco con i bambini , lasciando il rumore e l’inquinamento della città alle spalle , ma anche l’autunno offre fantastiche opportunità. Il verde lascia spazio alle infinite sfumature di rosso e giallo , rendendo i nostri boschi una meraviglia della natura di cui dovremmo assolutamente godere.

Organizzare una gita in campagna con i bambini piccoli richiede di prepararsi un po’ in anticipo  tenendo conto di tutto, anche del fatto che ci potrebbe essere bisogno sia di una protezione solare che di una sciarpa , ma una volta che tutto è pronto , divertirsi è l’unica cosa che resta da fare lasciandosi trasportare della curiosità dei piccoli.

Una semplice passeggiata intorno a un bellissimo lago può essere sufficiente per noi , ma i nostri bambini potrebbero presto annoiarsi, quindi preparatevi a imparare che cosa si può fare per migliorare quel viaggio che si era pianificato da tempo. Dovremo trasformare la natura intorno a noi in un parco, in un bosco fatato, in qualcosa che coinvolga i bambini nella scoperta di qualcosa di fantastico!

Avete ancora il sogno di volare ?  Da bambini,  imitando le aquile il mondo ci sembrava sicuramente più grande e pieno di avventure . Escludendo il paracadutismo potremo far vivere ai nostri figli quell’emozione con un viaggio in mongolfiera,  godendo del  piacere di un maestoso viaggio aereo , ma protetti in un sicuro nido, questo  potrebbe essere un weekend perfetto!

La natura  offre ai nostri bambini moltissime opportunità  per conoscere meglio il mondo in cui vivono , iniziando magari qualche collezione di fossili, minerali o farfalle . Raccogliere, riconoscere e classificare gli elementi naturali può essere per i più grandi il primo passo verso lo studio della geologia, entomologia o della biologia in genere.

Tutti i  bambini amano essere principesse e cavalieri , per loro la visita ai uno dei numerosi castelli che ci sono in Italia potrebbe trasformarsi in un’esperienza di altri tempi,  alla scoperta di miti e leggende, alla ricerca di tesori, di passaggi segreti, prigioni…Con un po’ di fantasia da parte vostra gli sembrerà di sentire persino il passo dei fantasmi…castello-di-tures.mb.0003np

Se il tempo è brutto  non ti preoccupare , anche la visita ad un acquario , un museo della scienza o di un planetario li entusiasmerà e la quantità di cose che potrebbero imparare da queste visite è enorme.

La visita di una fabbrica di cioccolato . Se di recente avete visto il celebre film con Johnny Depp , è molto probabile che i vostri figli vi abbiano già chiesto di portarli a una, ma se non lo hanno fatto , sarebbe per loro una deliziosa sorpresa. E nel frattempo godetevi la storia di  Charlie, di un sogno che grazie alla sua semplicità si trasforma in realtà. La fabbrica di Cioccolato  è uno dei romanzi più famosi di Roald Dahl da cui sono stati tratti i due film con Willy Wonka bizzarro proprietario della fabbrica.

Photo credits: Il magico bosco