Español
English
Italiano
Tag: stress
mai più stress alla mattina
0 COMMENTI
10 settembre 2014  |  Scritto da famosatoys

Ricominciare la scuola significa alzarsi presto, fare la colazione e correre fuori…tutto in meno di un’ora! Questo è per alcuni genitori, questo il momento più difficile della giornata, il più faticoso e stressante. David Code , autore del libro ” Kids Pick Up On Everything: How Parental Stress Is Toxic To Kids” sostiene che genitori trasmettono ai loro figli lo stress e questo può renderli più irritabili e frustrati. Con questo articolo vogliamo offrirti u una serie di idee per rendere le vostre mattinate più piacevoli e senza stress.

Riprendere la routine

Riprendiamo gradualmente i consueti orari per pasti e sonno, spieghiamo ai bambini tutte le cose che andranno fatte prima di uscire di casa come vestirsi, lavarsi i denti, fare il letto, prendere la merenda…e se sappiamo che sono un po’ distratti facciamo con loro un bel cartello colorato o scriviamolo su una lavagnetta!

Preparare tutto prima

Preparandosi i vestiti ei la cartella per il giorno dopo e apparecchiando anche per la colazione, si guadagna tempo e ci si può sedere a tavola tutti insieme per iniziare più allegramente la giornata! È importante che tutti partecipino alla vita di casa sia per suddividersi i compiti sia per rendere i bambini più autonomi.

Tutto in musica
La musica aiuta i bambini a essere più sereni. Create una playlist di 10 / 15 minuti da ascoltare quando si svegliano. Utilizzare le canzoni come un gioco per fare le cose. Si può dire ad esempio: “Prima la canzone finisca, devi aver messo le scarpe.”

Il “capo”
Se avete più bambini, si può sempre usare il trucco classe di scegliere un capo. Ogni mattina, uno dei vostri bambini può essere il leader incaricato di aiutare i fratelli a prepararsi. In questo modo voi avrete qualche minuto in più e loro impareranno a organizzarsi come squadra. Se il capo fa un buon lavoro riceverà una stellina…e ogni 10 stelline una piccola ricompensa.

keep-calm-and-carry-on-8044

Keep Calm and…
Kirk Martin, direttore esecutivo di Celebrate Calm, ritiene che “più i genitori devono correre al mattino, più i bambini vanno lenti”. Quindi, non perdete la calma e se credete i vostri figli vadano lenti di proposito, cercate di ragionare con loro. I bambini hanno bisogno di sentirsi parte di una squadra.

Ricomincia la scuola…Siete pronti?
0 COMMENTI
29 agosto 2014  |  Scritto da famosatoys

Sia che sia il primo anno di scuola o l’ingresso in una nuova classe, il cambiamento causare ansia, anche se questo evento è attesissimo e questo vale per i bambini ma anche per i genitori. Anche gli adulti infatti devono adattarsi al nuovo anno scolastico e  con un buon atteggiamento e un po ‘o di un preparazione vivranno questo passaggio in modo positivo. Continuate a leggere per scoprire come voi e la vostra famiglia potete affrontare serenamente il “back to school”.

Controllate la vostra ansia. E’meglio se i vostri figli non vi vedano tesi o ansiosi per il nuovo anno scolastico, se vi sentono lamentarvi del fatto di tornare al lavoro e alla ruotine probabilmente vivranno la vostra stessa sensazione e useranno le vostre stesse parole per esprimere il loro pensiero rispetto all’inizio della scuola. Non dovete dimenticare che siete  lo specchio in cui i nostri figli si vedono. Quindi siate calmi e positivi.

L’atteggiamento migliore. L’ideale sarebbe parlare con entusiasmo con i vostri bambini di ciò che riguarda il nuovo anno scolastico: di tutto quello che impareranno,  dei loro vecchi amici e di quelli nuovi che incontreranno, di come sarà il nuovo insegnante ecc… dopodichè ascoltare quello che dicono in modo da sapere come si sentono e poter discutere  nel caso ci sia  qualcosa gli crea ansia o timore.

la_rentree_8585e3f2

Condivisione di esperienze. I bambini amano ascoltare storie di quando i loro genitori erano piccoli. Se sono nervosi all’idea del primo giorno di scuola provate a mettervi nei loro (piccoli) panni…e spiegate loro che: “”E’normale essere nervosi, ho provato la stessa cosa quando ho iniziato la scuola. Ma è andato via quando … “Oppure:”. Quando mi sento nervoso, mi piace ricordare tutte le cose belle…”

I bei momenti. Prima dell’inizio della scuola, ricordate e raccontatevi tutte le cose fatte questa estate. Quali sono stati i momenti più belli, il giorno più divertente, cosa  avete imparato, chi avete incontrato, quali nuove esperienze avere vissuto … pensare positivo e ricordare i bei momenti li aiuterà a realizzare tutto ciò di cui possono parlare e condividere a scuola. Incoraggiarli a fare un album fotografico dei migliori momenti dell’estate.

Ristabilire una routine. Per evitare lo stress dei primi giorni di scuola il modo  migliore è ristabilire una routine almeno una settimana prima. Provare a svegliarsi un po ‘prima ogni giorno, leggere un po’ di più, fare qualche lavoretto. A poco a poco, cambiare i vostri ritmi e ristabilire l’orario per andare a dormire.

Shopping. Come ogni anno scolastico, ci saranno libri e quaderni da acquistare. Questa è una grande opportunità per vivere con divertimento l’inizio della scuola. Invece di decidere per loro, invita i tuoi figli a pensare a quello di cui avranno bisogno incoraggiandoli a fare una lista….e poi dedicare un pomeriggio al  check up  di tutto….ricoprire i libri e mettere le etichette su quaderni , temperare le matite, sostituire i pennarelli che non funzionano più…

Il loro spazio. A casa, assicuratevi di creare uno spazio in cui possano studiare e riporre le loro cose. Assicuratevi che abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno perché una volta che inizia la scuola, i bambini possono sentirsi sopraffatti da tutti i nuovi stimoli e attività da svolgere. Aiutateli a organizzarsi e a mantenere sotto controllo i loro impegni e le loro scadenze.

Count Down.  Create un calendario con il conto alla rovescia. Ogni giorno rimuoveranno una pagina e si preparareranno per il prossimo. Se possibile, almeno per i primi giorni, provate a essere a casa quando tornano da scuola o prendeteli voi all’uscita,  Decidete con loro le attività che vorranno fare, siano sport o latro ricordate sempre che i  hanno bisogno di tempo per giocare, fare i compiti e il tempo per stare a casa con la loro famiglia.

Che consiglio daresti ad altri genitori per l’inizio del nuovo anno scolastico? La tua opinione è importante per noi.

CATEGORIAS: KIDS & TIC's  |  TAGS:  , , , ,
abbiamo tutti bisogno di. . . consapevolezza
0 COMMENTI
22 maggio 2014  |  Scritto da famosatoys

A volte vi accorgete di avere la testa altrove? Mangiate pensando a qualcosa e non vi accorgete cosa mangiate? Guidate per kilometri senza accorgervi del paesaggio che cambia o che si fa buio, ascoltate qualcuno parlare e la vostra mente va altrove…Passate attraverso i momenti, le giornate, la vostra vita come se aveste inserito il pilota automatico. Vi capita? E’ piuttosto normale e succede alla maggior parte di noi. Ci dimentichiamo di vedere, gustare, ascoltare e sentire ciò che ci sta intorno. Se questo succede abitualmente ci stiamo perdendo molte cose e corriamo il rischio di farle perdere anche ai nostri figli.

Ma come fare a non soccombere agli impegni, allo stress, ai ritmi di tutti i giorni? Con maggior consapevolezza. La consapevolezza, che fino a qualche tempo fa era considerata solo una moda New Age, sta diventando una pratica sempre più diffusa in ospedali, scuole, università e aziende. La praticano dirigenti, medici, infermieri e pazienti, atleti, insegnanti e studenti traendone benefici sia dal punto di vista personale che professionale.

Il medico e biologo Jon Kabat- Zinn ha creato per primo, in America e poi nel resto del mondo, i centri per l’educazione alla Consapevolezza o come viene ormai chiamata in tutto il mondo Mindfulness. Il suo metodo è stato sulla copertina della rivista Time , e ne hanno parlato importanti riviste scientifiche e non e sono stati pubblicati innumerevoli suoi libri.

La pratica di mindfulness è utilizzata in ambito medico, psichiatrico, psicoterapeutico, 
formativo-didattico, aziendale e nel counseling, allo scopo di prevenire, ristabilire e mantenere il
 benessere fisico, psicologico ed esistenziale.


Negli Stati Uniti , il tasso di successo nelle scuole e nelle Università è tale che molti hanno deciso di integrare la pratica di Mindfulness , prima e dopo la scuola . Non solo aiuta gli studenti e gli insegnanti per creare un ambiente migliore per l’insegnamento e l’apprendimento , ma riduce lo stress e aumenta la concentrazione , l’empatia , la compassione e il livello di felicità, perché la sua pratica è legata alle aree della mente associate alle emozioni positive .

Essere altruisti, non giudicare , imparare a condividere e accettare l’altro sono qualità e valori che ci rendono persone migliori . Perché non cercare di iniziare questa pratica con la propria famiglia ? È una questione di pochi minuti .

Ecco alcuni esercizi da praticare con i bambini:

ad889f758789ccb560fb579d48fabd96_ID3365582_07_pomme-dr_141811_0232NC_0.JPG

Consapevoli del cibo. Distribuire ai bambini dei grossi pezzi di frutta e chieder loro di guardarli come se fossero dei marziani…. A turno far loro descrivere il colore , l’ odore , il pesano … e ora cominciando a mangiarlo il gusto , il suono che fa in bocca e la sensazione che da.

Consapevoli del suono . Un altro esercizio è quello di far sedere i bambini ad occhi chiusi chiedendo loro di prestare molta attenzione a quello che ascolteranno. Far suonare un campanello, un bastone della pioggia, una tamburello. Pensare solo al suono fino a quando non è completamente sparito .

MG_9171

Consapevoli dello spazio. Facendo una passeggiata intorno al quartiere . Almeno una volta alla settimana , prendere il tempo e camminare insieme ai bambini chiedendogli di fare una camminata con i 5 sensi: che cosa si vede più vicino e cosa più lontano ? Cos’è questo odore ? Di che colore è il cielo ? Come sono i fiori che il balcone?
Altri esercizi li trovate qui.

Praticare questi esercizi non eliminerà lo stress della vita quotidiana, ma vi aiuterà ad affrontarli in modo diverso , con un atteggiamento più positivo . Delle volte probabilmente pratichiamo già la consapevolezza , senza rendercene conto… Qual è la vostra esperienza e dei vostri figli ? Ci piacerebbe le vostre opinioni.

più relax…per tutti!
2 COMMENTI
13 marzo 2014  |  Scritto da famosatoys

Come genitori vorremmo che i nostri figli ottenessero già da piccoli i loro piccoli successi.
Ci sforziamo di guidarli nella giusta direzione perché possano imparare qualcosa che poi gli possa piacere. Che si tratti di suonare il pianoforte , diventare un mago in matematica o parlare il cinese come un madrelingua…a volte offriamo così tante opzioni e attività che potrebbero esserne sopraffatti.

E se c’è qualcosa che i genitori non devono dimenticare è che i bambini hanno bisogno di essere bambini e questo implica sapersi rilassare e giocare solo per divertimento . Il gioco libero serve a liberarsi da stress e tensioni che possono derivare dalla scuola, da sport competitivi o da tensioni familiari e che possono causare insonnia, paura e ansia.

Ma come approcciare il gioco libero?

Essere vigili ma non oppressivi
Quando vostra figlia correndo cade vi guarda per vedere la vostra reazione e se voi le apparirete preoccupati lei probabilmente piangerà. I bambini, a tutte le età, imparano a interpretare e imitare le reazioni emotive dei loro genitori . Se siete ansiosi trasmetterete ansia ai vostri figli . Ecco perché è importante imparare a mantenere la calma quando ci si trova in una situazione difficile o imprevista . Se vostra figlia vi vede reagire con calma lo imparerà a sua volta.

Allontanare le emozioni negative
Sappiamo tutti che per rilassarsi bisogna cercare di sbarazzarsi di tutto ciò che sta producendo stress. Anche se è solo per un po’. Approfittate del vento…Se notate che vostro figlio è un po ‘ nervoso, ansioso o arrabbiati parlate con lui . Chiedetegli come come è andata la giornata e senza fare troppe domande invitatelo a scrivere una lista di situazioni vissute in quel giorno che non gli sono piaciute . Una volta finito , fare un aereo di carta e fatelo volare fuori dalla finestra. Un gioco, un gesto simbolico ma che può la alleggerire la giornata!

IMG_1043

Esercizi rilassanti
Da fare insieme, piccoli e grandi… sdraiarsi sul pavimento -sul prato è ancora meglio! – a pancia in su, chiudere gli occhi e fare un respiro profondo . Chiedete al vostro figlio a ricordare un paesaggio dal vostro ultimo viaggio insieme o un momento speciale che avete passato insieme . Sia che si tratti del grande albero nel cortile della nonna o la spiaggia con gabbiani sarà lui a guidarvi in una fase di relax. Insieme si può giocare a ricordare e visualizzare i colori, i suoni e il clima , mentre si mantiene la respirazione . Questo creerà non solo un bel momento di legame ma imparerà a rilassarsi da solo quando si sentirà ansioso .


Abbassare il volume

Verso sera è importante che si crei un ambiente più rilassante anche cercando di abbassare tutti il volume…quindi musica e tv ma anche tono della voce più bassi aiuteranno ad avvicinarsi in modo naturale al momento del sonno. Cenate con clama, evitate giochi rumorosi e troppo stimolanti, fate ai bambini un bagno caldo e chiudete la serata con una storia e un po’ di coccole. Il relax è assicurato…per tutti!

Crediti fotografici : Juhasonin

Keep calm and…
0 COMMENTI
10 febbraio 2014  |  Scritto da famosatoys

Ci sono giorni in cui i vostri bambini vi fanno davvero perdere la pazienza ? A quasi tutti i genitori succede. Tuttavia, ci sono genitori che non riescono a controllare le proprie emozioni e l’occasione diventa cronica . Se pensate che sia il vostro caso eccovi alcuni suggerimenti per non perdere la calma ed educare i vostri figli senza stress .

Perdere la calma non funziona mai e non è un vantaggio per nessuno. Se  per far cambiare comportamento ai nostri figli  bastasse urlare o lasciare la stanza quando fanno qualcosa di sbagliato o ci irritano, educarli sarebbe più facile e tutti saremmo più sereni . Ma sappiamo bene che non funziona in questo modo .

Non c’è niente di personale.

Ricordate, quello che fanno non lo stanno facendo a voi . Il fatto che ci si senta offesi o ci si vergogni per il loro comportamento , non significa che il vostro bambino vi vuole offendere o farvi vergognare . Come genitori dovete cercare di rimanere obiettivi . Voi siete gli adulti . Ricordate che un genitore adeguato non è quello che non perde mai il controllo ma quello che sa trovare una soluzione. Ma come? Prima di urlare o sgridare valutate la situazione; chiedetevi perché il bambino si comporta in quel modo. E’ stanco? Ha fame? Sta attirando la vostra attenzione? Potrebbe essere una reazione ad un momento di stress o di fretta degli adulti.

Imparare a prevedere.

Se sapete che c’è qualcosa che vi fa perdere la calma, preparatevi. Dovete conoscere ciò che vi fa sentire particolarmente vulnerabili, magari facendo una lista di cose o situazioni in cui perdete facilmente la pazienza, come ad esempio andare al supermercato , lavorare da casa , guidare… Pensandoci con un certo distacco riuscirete a trovare una soluzione per poter agire correttamente nel momento in cui qualcosa crei stress o tensione, piuttosto che reagire d’impulso. Se potete cercate sempre di evitare di essere di fretta.

Se è troppo tardi e avete perso la calma, accettatelo.

E in un modo rilassato parlate con il vostro bambino di quanto è successo e come si può evitare che accada di nuovo in futuro . Cosa potete fare entrambi per non ripetere quello che è appena successo ? Rimproverare il bambino lo fa soffrire e potrebbe danneggiare la sua autostima oppure potrebbe diventare un eterno ribelle che sfida continuamente autorità. Ricordatevi di non fare paragoni e aiutatelo a prendere le sue decisioni . Complimentatevi con lui per la sua buona condotta e cercate di non criticare le sue debolezze.

Sfogarsi per poi correggere l’errore.

Non siamo perfetti e abbiamo le nostre giornate nere. Se avete perso la calma con il vostro bambino, sentirsi in colpa non aiuta . Parlate con il vostro compagno o compagna, con un amico o con una persona di fiducia e alleggeritevi di questo peso . E ‘ però importante ascoltare i loro consigli al fine di imparare dai nostri errori .

 

Photo Credits : Clemens v Vogelsang

Crediti fotografici : Jayashree B

CATEGORIAS: KIDS & TIC's  |  TAGS:  , , , ,